Un percorso irrinunciabile è indubbiamente quello legato al periplo del Parco dell’Etna: 59’000 ettari delimitano il parco del vulcano attivo più alto d’Europa, Patrimonio Mondiale dell’Umanità. Pronto ad ammirare il panorama e a scoprire i luoghi suggeriti da Etna Walking Rural, il progetto nato per valorizzare i più bei comuni del capoluogo etneo e conoscere itinerari insoliti e suggestivi?

Sali a Piano Provenzana, a circa 16 km da Linguaglossa e nel cuore dell’Etna Nord. Ma non solo. Lasciati travolgere dallo spirito dell’avventura e progetta un’escursione memorabile ai quattro crateri sommitali (mi raccomando, rivolgiti alle guide autorizzate per organizzare un percorso ad hoc!). Per il ritrovo, recati al Rifugio Sapienza, nel versante Etna Sud e raggiungibile attraverso i mezzi pubblici.

Da lì, via al percorso in funivia, per godere le meraviglie naturali dall’alto! E se soffri di vertigini? Niente paura: progetta un giro a bordo della ferrovia Circumetnea, con partenza da Catania Borgo. Un percorso lungo 110 km ti porterà alla scoperta dei tipici paesi etnei: da Paternò ad Adrano, sino a Bronte e a Randazzo. Un consiglio: fai incetta di prodotti tipici, i funghi, il miele, le salsicce, il pistacchio e il vino, l’olio e le fragole. E magari compra un oggetto ricordo, ottenuto dalla ceramizzazione della pietra lavica. E se hai in programma di restare più a lungo, ti consigliamo di scatenarti con gli sport invernali da abbinare alle escursioni: avresti mai immaginato di andare a ciaspole o usare gli sci da fondo, gli sci d’alpinismo, i ramponi e la piccozza, proprio in Sicilia?